I guadagni di uno “youtubber” sono inquadrabili tra i diritti d’autore?

Scritto il 1 marzo, 2017 da Marco Vergani in Contenuti digitali, Diritto d'autore, Youtube

Una domanda frequente che mi viene rivolta riguarda l’inqudramento ai fini fiscali del redditi prodotti da youtubbers che monetizzano la loro attività sul web in svariate forme (direttamente dal sito americano oppure attraverso l’intervento di piattaforme terze).

Nella categoria youtubber si trovano svariate tipologie: può trattarsi di cantanti, musicisti o interpreti, attori o performers di vario tipo, recensori di prodotti, autori di video comici, interviste, parodie o inchieste giornalistiche, ecc…

La domanda principale che viene posta è se sia necessario o meno aprire una partita Iva per gestire tale attività.

La risposta purtroppo non è univoca e dipende da vari fattori tra cui il grado di abitualità e di organizzazione e, non da ultimo, l’ammontare dei guadagni conseguiti.

In generale, in presenza di un’attività con frequenza costante, di un grado di organizzazione seppur minimo (attrezzature di base, microfoni, allestimenti vari, ecc..) e di importi di un certo rilievo l’attività ricade sicuramente nell’ambito Iva ed è pertanto necessario aprire una posizione Iva.

Relativamente agli importi è bene tenere presente che, analogamente ad altre attività, non esiste una soglia di riferimento fissa. Il limite di 5.000, al di sotto del quale una attività può considerarsi occasionale, riguarda solo le prestazioni di servizi. Per attività di altro tipo occorre guardare a tutti e 3 i parametri contemporaneamente (abitualità, organizzazione, importi conseguiti).

Una volta aperta la partita Iva è possibile optare per il regime forfettario se si rispetta il limite di ricavi annui entro i 30.000 Euro oppure per il regime normale di contabilità semplificata se non si possiedono i requisiti per il regime forfettario. In questo secondo caso la tassazione avverrà secondo le aliquote progressive Irpef.

Per quanto riguarda l’inquadramento generale il tipo di attività svolta da uno youtubber rientra sicuramente tra le opere delle ingegno.

In uno dei contratti sottoscritti da uno youtubber con una piattaforma di distribuzione video si legge ad esempio:

Con la presente, il partner garantisce a XXXXXXXXX, per tutta la durata del presente contratto, il
diritto esclusivo, mondiale, trasferibile e sub-licenziabile:
(i) A commercializzare, distribuire e utilizzare le presenze online oggetto del presente
contratto su tutte le piattaforme, vale a dire, ove possibile, sull’intera rete internet.
(ii) A impiegare, con ogni modalità d’uso, i contenuti delle presenze online oggetto del
presente contratto anche a fini di autopromozione, in particolare a utilizzarli, riprodurli e
renderli illimitatamente accessibili a terzi, quale che sia il mezzo impiegato (per tale si
intende anche il download), nonché a diffonderli, distribuirli renderli pubblici, inviarli,
modificarli (per tali si intendono anche abbreviazioni e collegamenti con altre creazioni) e,
in egual modo, a utilizzare e commercializzare le opere risultanti.

Ne deriva che il relativo reddito è inquadrabile nell’ambito del diritto d’autore. Pertanto un codice ATECO adatto al tipo di attività potrebbe essere 90.03.09

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

  • Contatti

    Via Vincenzo Monti 79/2
    20145 Milano
    Tel. +39 02 39401251
    Cell. +39 380 522 38 48

    Centro elaborazione dati:
    Lentate Sul Seveso (MB)
    Via Borgazzi 55, 20823
    Tel. +39 0362 561142

  • Rimani aggiornato

    Lascia la Sua mail e sarai sempre aggiornato sulle ultime novità e accedere ai contenuti speciali.